12 Set 2017

Legge Fiano o leggi per il benessere del popolo?

In questi giorni negli Stati Uniti, orde di imbecilli abbattono i monumenti dedicati a Cristoforo Colombo, come se la distruzione, a centinaia di anni di distanza, di un monumento, potesse saldare chissà quale debito o ripristinare chissà quale equilibrio storico. Proprio imbecilli, smettessero allora di chiamarsi americani, dato che anche Amerigo Vespucci era italiano. Anche noi abbiamo i nostri ultras che credono, dal basso della loro incultura, di fare cosa giusta nel supportare la promulgazione di una legge che proibisce qualsiasi forma di propaganda fascista, fino all’estremo, udite udite, di proibire la gestualità che ne richiami la memoria! Come ha ben detto Ignazio La Russa, facendosi beffa dei parlamentari del PD, attenzione ad alzare un braccio oltre la spalla, a protendere il mento o a camminare a gambe tese, potreste rischiare 2 anni di galera! Mi domando che visione hanno della democrazia i parlamentari del PD. Credono veramente che esista a ,72 anni dal suo crollo (lo stesso intervallo temporale che c’è tra la battaglia di Waterloo e la nascita di Giuseppe Di Vittorio della General Electric o del motore Diesel), un rischio concreto di rovesciamento della Repubblica Italiana? Credono che i valori democratici non siano ormai parte del DNA di ciascun italiano? La lotta all’imbecillità non si fa con altrettanta imbecillità, ma investendo in conoscenza e cultura, cioè facendo studiare i nostri giovani, non dandogli la possibilità maleducata di utilizzare i telefonini a scuola, ma regalando loro libri e non videogiochi e insegnando loro i principi dell’etica democratica. Proibire i simboli fascisti, fino al punto di pensare di abbattere monumenti o cancellare le scritte Dux da essi è non solo stupido, anzi, alimenterebbe un culto, come sempre accade quando si cerca di proibire un idea. A meno che lo scopo recondito non sia proprio quello, ossia di fomentare con queste proibizioni, il nascere e lo svilupparsi di un movimento sotterraneo forte, di creare un nuovo nemico, uno spauracchio da utilizzare per coprire le proprie incapacità. Oggi qualcuno ha detto (con gran faccia tosta), che le priorità sono altre. Bene, tipo ad esempio occuparsi di giustizia sociale? Di eliminare i privilegi dei politici? Di smettere di tartassare i poveri e di diminuire loro le prestazioni con artifizi? Di smettere di smantellare la scuola e la sanità pubblica? E l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Ebbene, di tutto questo non c’è traccia nell’azione politica e di governo del PD, anzi, sono stati eliminati diritti fondamentali dei lavoratori, a cominciare dall’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, che proteggeva dagli ABUSI dei datori di lavoro, è stato istituzionalizzato il precariato, è stato drogato il mercato del lavoro con il Jobs Act, sono state drogate le statistiche sulla disoccupazione, per cui se uno lavora 1 ora alla settimana (!) è considerato occupato, fino ad arrivare al dibattito sterile in tema di legge elettorale, su cui un accordo non si trova, perché deve essere per forza una legge che favorisce una parte politica a discapito dell’altra, eliminando la possibilità di scelta del cittadino. Insomma, si prende in giro la popolazione concentrandosi su temi assolutamente marginali ed evitando accuratamente di sfiorare i temi fondamentali. Questo è in definitiva la Legge Fiano. Forse Fiano non sa che i migliori architetti del ventennio (soprattutto giovani) hanno contribuito con opere fondamentali, da Piacentini in poi è tutto un edificare monumenti e edifici che hanno un identità stilistica precisa. Che facciamo, abbattiamo L’EUR o le città di fondazione? Cosa sapranno fra 100 anni i giovani del futuro di ciò che è stato quasi 2 secoli prima? I monumenti servono perché sono una testimonianza storica fondamentale, sono la memoria di ciò che fu bene e male, intaccarli, o peggio eliminarli, significherebbe creare un vuoto, come quello culturale di chi è pronto ad impugnare il raschietto per cancellare le scritte DUX.

No responses yet




I commenti sono chiusi.

Trackback URI |